50 LIRE

50 LIRE VULCANO (I° tipo)

1) 50 lire 1972 con "7" corto e "7" lungo

A sinistra è riportata la 50 lire 1972 con il "7" della data corto, mentre a destra la 50 lire 1972 con il "7" della data più lungo. La diversa lunghezza si riferisce al terminale inferiore del "7" che nel secondo caso è più lungo e termina con una punta. In realtà anche la cifra "2" risulta avere una posizione differente, più bassa nell'esemplare a destra. Variante scoperta da Marco Lovison

2) 50 lire 1975 con "5" lungo e corto

A sinistra è riportata la 50 lire 1975 con il "5" della data lungo (la variante meno comune), mentre a destra la 50 lire 1975 con il "5" della data più corto. La diversa lunghezza si riferisce all'astina superiore del "5" che nel primo caso supera la "pancia" del "5", mentre nel secondo caso non la supera. In realtà anche la cifra "7" presenta delle leggere differenze.

3) 50 lire 1980 con lo "0" grande e piccolo

Questa variante viene comunemente identificata in base alla grandezza dello zero. In realtà, l'elemento di maggiore diversità è costituito dalla cifra "8". Nelle 50 lire 1980 con "0" piccolo (la variante meno comune), l'"8" ha il cerchietto superiore più ampio rispetto al cerchietto superiore delle 50 lire 1980 con "0" grande.

4) 50 lire 1987 con "7" dritto e con uncino

A sinistra è riportata la 50 lire 1987 con il "7" dritto (la variante meno comune), mentre a destra la 50 lire 1987 con il "7" ad uncino.

5) 50 lire 1988 con "88" grandi e piccoli

A sinistra è riportata la 50 lire 1988 con gli "88" grandi di altezza pari 1,4 mm (la variante meno comune), mentre a destra la 50 lire 1988 con gli "88" più piccoli (1,2 mm).

 

50 LIRE VULCANO (II° tipo)

1) 50 lire 1990 "lobo tondo - Vulcano grande", "lobo tondo - Vulcano piccolo", "lobo a punta - Vulcano grande", "lobo a punta - Vulcano piccolo" e "lobo tondo con rombo"

Le 50 lire 1990 presentano varie varianti che derivano dall'incrocio delle due versioni di impronte di dritto con le due versioni di impronte di rovescio conosciute. In particolare, per quanto riguarda il dritto si conoscono le versioni con il lobo tondo (senza rombo) e il lobo a punta (senza rombo). Con riferimento al rovescio si conoscono le versioni con Vulcano grande e Vulcano piccolo. In quest'ultimo caso - sebbene la differenza di dimensione di Vulcano sia particolarmente evidente - dato il piccolo modulo della moneta può passare inosservata senza una lente di ingrandimento o un microscopio digitale. Tuttavia, c’è un chiaro marcatore che distingue le due versioni del rovescio che è dato dal “taglio” inciso tra l’incudine e il piedistallo. Nella versione Vulcano “grande” il taglio risulta ben inciso ed è profondo, nella versione Vulcano “piccolo” il taglio è quasi impercettibile. In ordine, nell’immagine qui sotto riportata si possono apprezzare le quattro varianti: la versione (1) con lobo tondo e Vulcano “grande”; la versione (2) con lobo tondo e Vulcano “piccolo”; la versione (3) con lobo a punta e Vulcano “grande” e, infine, la versione (4) con lobo a punta e Vulcano “piccolo”. Mentre le prime tre si trovano abbastanza facilmente, la quarta risulta meno comune.

Inoltre, sempre con riferimento alle 50 lire 1990, va segnalata una quinta variante inserita unicamente nella serie divisionale che presenta il dritto con il lobo tondo ed un rombo sopra la firma degli incisori. Anche il rovescio risulta differente in quanto presenta lo zero della data più distaccato dal secondo nove.

 

1) 50 lire 1991 "senza rombo piede piatto", "con rombo piede normale" e "senza rombo piede normale"

Queste tre varianti vengono identificate da vari elementi tra cui i principali sono: la conformazione dell'orecchio della figura femminile al dritto, la presenza o meno di un piccolo rombo posto sopra la firma degli incisori al dritto, la conformazione dei "99" della data (aperti o chiusi") al rovescio e la conformazione del piede destro (piatto o normale) al rovescio. Al fine di distinguerle per comodità utilizzeremo un elemento del dritto (la presenza o meno del rombo) ed un elemento del rovescio (la conformazione del piede destro: piatto o normale).  Qui sotto si possono apprezzare in sequenza: (i) la versione senza rombo sopra la firma degli incisori e con piede piatto, (ii) la versione con rombo sopra la firma degli incisori e piede normale e infine (iii) la versione senza rombo sopra la firma degli incisori e con piede normale. Quest'ultima è la variante meno comune e costituisce un cd. "mulo" vale a dire l'incrocio del conio di dritto della prima versione (senza rombo piede piatto) con il rovescio della seconda versione (con rombo piede normale).

3) 50 lire 1993 con gambo inferiore corto e lungo

Questa variante viene identificata dalla lunghezza del gambo inferiore della cifra "3" della data. A sinistra si può apprezzare la versione con il gambo inferiore della cifra "3" corto (la variante meno comune), mentre a destra si può apprezzare la versione con il gambo inferiore della cifra "3" lungo.